Si veda la sintesi preparata da Shelagh Michaud, Irene Scholl-Tatevosya e Kimberly K. Harding di Nixon Peabody LLP in merito alla legge sugli stanziamenti consolidati e alla legge FFCRA (Family First Coronavirus Response Act). FFCRA (Family First Coronavirus Response Act) . L’articolo di Nixon Peabody tratta degli effetti sull’estensione dei crediti d’imposta per i datori di lavoro. L’articolo include anche i link agli altri aggiornamenti apportati dallo studio legale. Vedi sotto.

FFCRA – Cosa è cambiato per il 2021?

Evidenziamo ciò che i datori di lavoro devono sapere sulla fine dei mandati FFCRA e sul fatto che l’ultima legge di stimolo COVID-19 mantiene i crediti d’imposta FFCRA come incentivi per offrire congedi retribuiti.

L’ultima legge di stimolo COVID-19, il Consolidated Appropriations Act, 2021, è stata firmata il 27 dicembre 2020 ed è retroattiva al 1° aprile 2020, data di entrata in vigore del FFCRA [1]- proroga i crediti d’imposta in dollari per i datori di lavoro che scelgono di consentire ai dipendenti di continuare a usufruire dei congedi per malattia FFCRA e dei congedi FMLA estesi fino al 31 marzo 2021. Il FFCRA, che impone a determinati datori di lavoro di fornire ai dipendenti fino a 80 ore di congedo per malattia retribuito o 12 settimane di congedo FMLA esteso per motivi specifici legati al COVID-19, e i suoi mandati scadono il 31 dicembre 2020. La sezione 286 della nuova legge di stimolo non estende il mandato dell’FFRCA di fornire congedi per malattia retribuiti o congedi FMLA estesi, ma fornisce un incentivo ai datori di lavoro per continuare a consentire ai dipendenti di prendere congedi FFCRA per motivi legati al COVID-19 fino al 31 marzo 2021. In base alla nuova proroga, i datori di lavoro che continuano a consentire ai dipendenti di usufruire delle 80 ore di congedo per malattia retribuito previste dal FFCRA e delle 12 settimane di congedo FMLA ampliato possono beneficiare di crediti d’imposta alle stesse condizioni previste dal FFCRA nel 2020.

Cosa significa questo per i datori di lavoro?

  • Dopo il 31 dicembre 2020, i datori di lavoro non sono tenuti a continuare a fornire congedi per malattia retribuiti ai dipendenti per motivi legati alla COVID-19.
  • Dopo il 31 dicembre 2020, i datori di lavoro non sono tenuti a continuare a fornire il congedo FMLA esteso ai dipendenti per motivi legati al COVID-19.
  • I datori di lavoro possono scegliere di continuare a fornire 80 ore di congedo per malattia retribuito per motivi legati alla COVID-19 ai dipendenti idonei fino al 31 marzo 2021 e potranno richiedere i crediti d’imposta FFCRA previsti dalla FFCRA per tale congedo.
  • I datori di lavoro possono scegliere di continuare a fornire 12 settimane di congedo FMLA esteso per motivi legati al COVID-19 ai dipendenti idonei fino al 31 marzo 2021 e potranno richiedere i crediti d’imposta FFCRA previsti dal FFCRA per tale congedo.
  • I dipendenti hanno diritto a un massimo di 80 ore totali di congedo retribuito per malattia legato alla COVID-19 e a 12 settimane totali di congedo FMLA esteso. (Il disegno di legge non concede tempo aggiuntivo, ma permette solo ai dipendenti che non hanno esaurito il congedo di malattia retribuito FFCRA e/o il congedo FMLA esteso di utilizzarlo fino al 31 marzo 2021, se i loro datori di lavoro decidono di continuare a rendere disponibile il congedo).
  • Il disegno di legge non prevede alcun incentivo (o obbligo) per i datori di lavoro che non possono richiedere i crediti d’imposta, come gli enti pubblici, di continuare a fornire un congedo FFCRA.

Considerazioni per i datori di lavoro

Come per il requisito precedente, questo nuovo incentivo si concentra sull’offerta di congedi per i dipendenti che devono rimanere fuori dal lavoro a causa della COVID-19, ma consente anche alle aziende di pianificare e prevedere le loro operazioni e politiche quotidiane. Le aziende dovrebbero considerare i vantaggi di fornire congedi per malattia, compresi quelli resi disponibili dal FFCRA, durante la pandemia per promuovere e mantenere un ambiente di lavoro sano e sicuro. A differenza dell’approvazione del FFCRA nel 2020, che non prevedeva alcun preavviso o tempo per la pianificazione, questa nuova legge dà alle aziende il tempo di considerare le proprie opzioni, consultare consulenti legali e fiscali e determinare il percorso migliore per l’azienda e i suoi dipendenti.

Questa sintesi è solo una parte dell’intreccio di problemi e leggi che le aziende si trovano ad affrontare a causa della pandemia COVID-19. Oltre all’estensione dei crediti d’imposta per i congedi retribuiti previsti dal FFCRA, il Consolidated Appropriations Act del 2021 contiene molte disposizioni che riguardano i datori di lavoro di diversi settori. Nixon Peabody si tiene al corrente di questi cambiamenti e ha fornito i seguenti avvisi che riguardano altre disposizioni della legge:

Il nostro team di Nixon Peabody continuerà ad analizzare la nuova legge, a monitorare i nuovi sviluppi e i regolamenti man mano che verranno resi disponibili e a fornire aggiornamenti sulle altre questioni che i datori di lavoro devono affrontare e sulle soluzioni per aiutarli a navigare in questi tempi turbolenti.

  1. Si vedano i nostri precedenti avvisi sulla FFCRA: “Legge sulla risposta al coronavirus “Families First”: Cosa devono sapere i datori di lavoro sulla legge sui congedi retribuiti COVID-19″ (26 marzo 2020); “Le dieci domande più pressanti dei datori di lavoro sull’attuazione del congedo FFCRA” (07 aprile 2020); e “Modifiche significative al FFCRA: la DOL ridefinisce l’eccezione del ‘fornitore di assistenza sanitaria’ e chiarisce il congedo intermittente per la cura dei figli” (15 settembre 2020). [Torna al riferimento]

Quanto sopra è stato redatto per l’informazione generale dei clienti e degli amici dello studio. Non si intende fornire consulenza legale in merito a questioni specifiche e non si deve agire in assenza di una consulenza professionale. In caso di domande o di necessità di ulteriori informazioni su queste o altre questioni, vi invitiamo a contattare il vostro rappresentante abituale di Nixon Peabody LLP. Questo materiale può essere considerato pubblicità ai sensi di alcune norme di condotta professionale.

Fonti:

https://www.nixonpeabody.com/en/ideas/articles/2020/12/30/ffcra-whats-changed-for-2021?utm_medium=alert&utm_source=internal&utm_campaign=%E2%80%A6#Note1

https://rules.house.gov/sites/democrats.rules.house.gov/files/BILLS-116HR133SA-RCP-116-68.pdf

Autore

Matteo