Sono lieto di essere qui per la firma dell’accordo di attuazione del Foreign Account Tax Compliance Act con il Ministro Saccomanni. Accogliamo con favore l’impegno dell’Italia a intensificare la nostra cooperazione per migliorare la compliance fiscale internazionale. La firma di oggi segna un significativo passo avanti nell’impegno di entrambi i Paesi a collaborare per la definizione di uno standard globale di lotta all’evasione fiscale offshore. Questi sforzi vanno a beneficio di entrambi i nostri Paesi.
Questo accordo è anche in linea con il nostro impegno reciproco nel G20 di sviluppare un modello globale per lo scambio automatico di informazioni bancarie rilevanti dal punto di vista fiscale.
La legge sulla conformità fiscale dei conti esteri (Foreign Account Tax Compliance Act, FATCA) introduce obblighi di segnalazione per le istituzioni finanziarie estere in relazione a determinati conti detenuti da contribuenti statunitensi. Poiché l’accesso alle informazioni provenienti da altri Paesi è di fondamentale importanza per la piena ed equa applicazione delle leggi fiscali nazionali, lo scambio di informazioni è una priorità assoluta per gli Stati Uniti. Per questo motivo, siamo stati leader nello sviluppo di nuovi standard internazionali per una maggiore trasparenza attraverso lo scambio completo di informazioni fiscali. Ma non possiamo farlo da soli.
Oggi l’Italia è il13° Paese a firmare un accordo intergovernativo con gli Stati Uniti per migliorare la compliance fiscale internazionale e implementare il FATCA. Lavorando insieme per individuare, scoraggiare e scoraggiare gli abusi fiscali offshore attraverso una maggiore trasparenza e una migliore rendicontazione, possiamo contribuire a costruire un sistema finanziario globale più forte, più stabile e più responsabile.
Questo accordo FATCA è un ulteriore esempio dei profondi e sostanziali legami tra l’economia italiana e quella statunitense. Siamo ansiosi di continuare a lavorare insieme per approfondire questi legami.

Autore

owner