L’IRS ha recentemente pubblicato una guida relativa al credito di mantenimento dei dipendenti per il 2020. Di seguito riportiamo la sintesi fornita da Charles R. Bernardini, Esq. di Nixon Peabody LLP. Abbiamo incluso la guida vera e propria e il documento FAQ da scaricare.

Nell’Avviso 2021-20, l’IRS ha pubblicato una guida dettagliata per i datori di lavoro che richiedono il credito per il mantenimento dei dipendenti per i trimestri solari del 2020. Il credito è stato creato dal Coronavirus Aid, Relief, and Economic Security (CARES) Act, P.L 116-136, e modificato dal Consolidated Appropriations Act, 2021, P.L 116-260. L’IRS afferma che le indicazioni contenute nell’avviso sono simili alle informazioni pubblicate nelle FAQ l’anno scorso, ma l’avviso chiarisce e descrive le modifiche retroattive previste dalla nuova legge che si applicano al 2020, principalmente per quanto riguarda l’ampliamento dell’ammissibilità al credito per i contribuenti che hanno contratto prestiti nell’ambito del Paycheck Protection Program (PPP). In una lettera di commento inviata il 25 febbraio, l’AICPA ha richiesto all’IRS una guida autorevole sui crediti per il mantenimento dei dipendenti per il 2020 e il 2021.

Per il 2020, il credito per il mantenimento dei dipendenti può essere richiesto dai datori di lavoro che hanno pagato salari qualificati dopo il 12 marzo 2020 e prima del 1° gennaio 2021 e che hanno subito una sospensione totale o parziale delle loro attività o un calo significativo degli incassi. Il credito è pari al 50% dei salari qualificati pagati, comprese le spese per i piani sanitari qualificati, fino a 10.000 dollari per dipendente nel 2020, il che significa che il credito massimo disponibile per ogni dipendente è di 5.000 dollari.
Per il 2020, i datori di lavoro idonei che hanno ricevuto un prestito PPP possono richiedere il credito per il mantenimento dei dipendenti, anche se gli stessi salari non possono essere conteggiati per entrambi. L’avviso 2021-20 spiega in dettaglio quando e come i datori di lavoro che hanno ricevuto un prestito PPP possono richiedere il credito per il mantenimento dei dipendenti per il 2020. A gennaio, l’AICPA ha chiesto chiarimenti all’IRS su questo argomento e ha raccomandato che la presentazione di una domanda di condono del prestito PPP non costituisca una scelta di rinuncia al credito di mantenimento dei dipendenti per quanto riguarda l’importo dei salari dichiarati nella domanda che eccede l’importo dei salari necessari per il condono del prestito.

La comunicazione spiega (1) chi sono i datori di lavoro ammissibili; (2) cosa si intende per sospensione totale o parziale dell’attività commerciale o imprenditoriale; (3) cosa si intende per diminuzione significativa degli incassi lordi; (4) qual è l’importo massimo del credito per il mantenimento dei dipendenti di un datore di lavoro ammissibile; (5) quali sono i salari qualificati; (6) come un datore di lavoro ammissibile richiede il credito per il mantenimento dei dipendenti; e (7) come un datore di lavoro ammissibile comprova la richiesta del credito.

Sebbene il Consolidated Appropriations Act del 2021 abbia esteso e modificato il credito anche per i primi due trimestri solari del 2021, l’IRS afferma che questo avviso riguarda solo le regole del 2020 e che prevede di pubblicare presto una guida aggiuntiva per le modifiche del 2021.

https://www.journalofaccountancy.com/news/2021/mar/employee-retention-credit-irs-guidance.html


Fonte:
Charles R. Bernardini

Quanto sopra è stato redatto per l’informazione generale dei clienti e degli amici dello studio. Non si intende fornire consulenza legale in merito a questioni specifiche e non si deve agire in assenza di una consulenza professionale. In caso di domande o di necessità di ulteriori informazioni su queste o altre questioni, vi invitiamo a contattare il vostro rappresentante abituale di Nixon Peabody LLP. Questo materiale può essere considerato pubblicità ai sensi di alcune norme di condotta professionale.

Autore

Matteo