Jeff Drew, senior editor del Journal of Accountancy, ha pubblicato una sintesi delle recenti modifiche al prestito PPP alla luce delle recenti leggi che aggiungono fondi per consentire una seconda tornata di prestiti. Le domande sono ora aperte a tutti, sia ai precedenti mutuatari (vedi sotto per i dettagli) sia ai nuovi mutuatari. L’ultimo giorno utile per richiedere e ricevere il Second Draw Loan è il 31 marzo 2021. Si veda l’articolo riassuntivo qui sotto. I moduli scaricabili dalla SBA si trovano sotto l’articolo.

I moduli sono il Modulo 2483 – Modulo di richiesta di prestito per il Paycheck Protection Program e il Modulo 2483-SD – Modulo di richiesta di prestito per il PPP Second Draw. Il modulo 2483 è aggiornato rispetto alle precedenti iterazioni iniziate con il programma PPP originale. Il modulo 2483-SD è un nuovo modulo che consente ai mutuatari qualificati di PPP di richiedere un secondo prelievo di un prestito a tasso agevolato, mentre cercano di navigare in un mare economico agitato dalla pandemia COVID-19.

L’SBA e il Tesoro hanno inoltre pubblicato le sintesi dei prestiti PPP di prima e seconda erogazione e un paio di avvisi procedurali.

Il Congresso ha rilanciato il PPP nell’ambito della legge di sostegno COVID-19 da 900 miliardi di dollari, firmata il 27 dicembre. Il PPP originale prevedeva 525 miliardi di dollari di prestiti a fondo perduto nell’arco di cinque mesi, prima di interrompere l’accettazione delle domande in agosto. Il nuovo PPP ha a disposizione 284,5 miliardi di dollari, di cui 35 miliardi per i primi prestiti e 15 miliardi accantonati per le istituzioni finanziarie comunitarie.

Rapida panoramica dei moduli di richiesta di finanziamento PPP

I moduli di richiesta di prestito PPP rilasciati venerdì contengono istruzioni su come calcolare i costi delle retribuzioni in linea con le indicazioni fornite mercoledì. In generale, i mutuatari PPP per la prima e la seconda volta possono ricevere un prestito pari a un massimo di 2,5 volte i loro costi medi mensili del personale (con un tetto massimo per dipendente di 100.000 dollari annualizzati) nel 2019, 2020 o nell’anno precedente al prestito. I mutuatari PPP con codici NAICS (North American Industry Classification System) che iniziano con 72 (come alberghi e ristoranti) possono ricevere fino a 3,5 volte i costi medi mensili dei loro stipendi sui prestiti di secondo prelievo.

I moduli indicano anche gli aggiustamenti dei calcoli per le imprese stagionali, le nuove imprese, gli agricoltori e gli allevatori e le società di persone.

L’importo massimo del prestito è di 10 milioni di dollari per i primi mutuatari e di 2 milioni di dollari per i secondi mutuatari PPP.

I mutuatari PPP possono ottenere la cancellazione dei loro prestiti al primo e al secondo prelievo se i fondi vengono utilizzati per i seguenti costi ammissibili: buste paga, affitti, interessi ipotecari coperti e utenze, spese per la protezione dei lavoratori e per la modifica delle strutture, costi coperti per danni alla proprietà, pagamenti coperti ai fornitori e pagamenti per software aziendale o servizi di cloud computing che facilitano le operazioni aziendali, la fornitura di prodotti o servizi e una serie di funzioni di back-office, tra cui la contabilità.

Per poter beneficiare del condono totale del prestito, i mutuatari PPP devono spendere non meno del 60% dei fondi in busta paga in un periodo coperto a loro scelta tra le otto e le 24 settimane.

I prestiti PPP per la prima volta sono disponibili per i mutuatari in attività al 15 febbraio 2020 e appartenenti a uno dei seguenti gruppi:

  • Imprese con 500 o meno dipendenti che possono beneficiare di altri prestiti SBA 7(a).
  • Imprese individuali, imprenditori indipendenti e lavoratori autonomi idonei.
  • Non profit, comprese le chiese.
  • Attività di servizi di alloggio e ristorazione con codici NAICS che iniziano con 72 e che hanno meno di 500 dipendenti per sede fisica.
  • Sec. 501(c)(6) leghe d’affari, come camere di commercio, uffici visitatori, ecc. e “organizzazioni di marketing di destinazione” che hanno 300 o meno dipendenti e non ricevono più del 15% delle entrate dal lobbismo. Le attività di lobbying non devono superare il 15% delle attività totali dell’organizzazione e non devono essere costate più di 1 milione di dollari nell’ultimo anno fiscale conclusosi prima del 15 febbraio. 2020. I campionati sportivi non sono ammessi.
  • Organizzazioni giornalistiche possedute o controllate in maggioranza da un’azienda con codice NAICS 511110 o 5151 o da enti di radiodiffusione pubblica senza scopo di lucro con un’attività commerciale o un’impresa con codice NAICS 511110 o 5151. Il limite di dimensione per questa categoria è di non più di 500 dipendenti per sede.

I mutuatari sono idonei per un prestito PPP di secondo prelievo fino a 2 milioni di dollari, a condizione che abbiano:

  • 300 o meno dipendenti.
  • Hanno utilizzato o utilizzeranno l’intero importo del primo prestito PPP entro la data prevista per l’erogazione del secondo prestito PPP al mutuatario. L’IFR chiarisce inoltre che il mutuatario deve aver speso l’intero importo del primo prestito PPP per spese ammissibili.
  • Ha subito una riduzione dei ricavi pari o superiore al 25% in tutto o in parte del 2020 rispetto a tutto o in parte del 2019. Il calcolo viene effettuato confrontando gli incassi lordi di qualsiasi trimestre del 2020 con quelli di un trimestre applicabile del 2019 oppure, secondo una disposizione aggiunta nell’IFR, un mutuatario che è stato in attività per tutti e quattro i trimestri del 2019 può presentare copie dei propri moduli fiscali annuali che dimostrino una riduzione degli incassi annuali pari o superiore al 25% nel 2020 rispetto al 2019.




Il La pagina delle risorse del Programma di protezione delle buste paga dell’AICPA ospita risorse e strumenti prodotti dall’AICPA per aiutare ad affrontare l’impatto economico del coronavirus.

Per ulteriori notizie e rapporti sul coronavirus e su come i CPA possono gestire le sfide legate all’epidemia, visitate la pagina del JofA dedicata alle risorse sul coronavirus. pagina delle risorse sul coronavirus o abbonatevi ai nostri avvisi e-mail per le ultime notizie sul PPA.

Fonti:

https://www.journalofaccountancy.com/news/2021/jan/ppp-application-forms-released.html

https://www.sba.gov/document/sba-form-2483-sd-ppp-second-draw-borrower-application-form

https://www.sba.gov/document/sba-form-2483-ppp-first-draw-borrower-application-form

https://www.jdsupra.com/legalnews/economic-aid-act-10-things-to-know-5901027/#:~:text=1.,for%20Second%20Draw%20PPP%20Loans.

Autore

Matteo