La legge sugli stanziamenti consolidati è stata firmata il27 dicembre 2020. Questo atto segue la legge CARES, firmata lo scorso marzo. L’obiettivo è fornire ulteriori finanziamenti e aiuti alle piccole imprese colpite dalla pandemia. Parte di questa legge comprende la “Legge sull’aiuto economico alle piccole imprese, alle organizzazioni non profit e ai locali duramente colpiti (Legge sull’aiuto economico)”, che consente una seconda tornata di prestiti disponibili attraverso il Programma di protezione degli stipendi aggiungendo ulteriori fondi. Le attuali modifiche apportate al Prestito PPP originale si trovano nella Sezione 311; all’inizio di gennaio la Small Business Administration e il Tesoro hanno pubblicato una guida su questa sezione temporanea.

Per scaricare la legge finale provvisoria dell’SBA relativa alla sezione 311 della legge sugli aiuti economici, fare clic sul pulsante sottostante.




Si prega di notare che, secondo la guida,

“Ai sensi della sezione 311, l’SBA può garantire prestiti nell’ambito del programma PPP Second Draw fino al 31 marzo 2021 (“Second Draw PPP Loans”) a mutuatari che hanno precedentemente ricevuto un prestito PPP ai sensi della sezione 7(a)(36) dello Small Business Act (“First Draw PPP Loans”) e che hanno utilizzato o utilizzeranno l’intero importo del prestito PPP iniziale per scopi autorizzati entro la data prevista per l’erogazione del Second Draw PPP Loan”.

Molti degli stessi termini, condizioni e processi applicabili alla “prima estrazione” o alla prima serie di Prestiti PPP sono applicabili a questa seconda estrazione. Ci sono tuttavia alcune differenze. Queste differenze sono ulteriormente spiegate nel post “New Guidance for Second Draw PPP Loans”. Alcune di queste differenze includono (ma non solo):

  • Data di entrata in vigore – la regola per i Prestiti PPP di seconda estrazione ha effetto immediato;
  • Le candidature sono aperte e si chiuderanno il 31 marzo 2021;
  • Ammissibilità: Un mutuatario del Prestito PPP di seconda estrazione può essere idoneo solo se ha 300 o meno dipendenti, se ha registrato una riduzione delle entrate nel 2020 rispetto al 2019, se ha ricevuto un Prestito PPP di prima estrazione e se ha esaurito o esaurirà tutti i fondi di quel prestito per scopi autorizzati entro o prima dell’erogazione dei fondi del Prestito PPP di seconda estrazione.
  • Le imprese con un codice NAICS che inizia con 72 sono ammissibili se impiegano al massimo 300 dipendenti per sede fisica (e soddisfano il requisito di riduzione dei ricavi, oltre ad altri requisiti specifici).

Fonte:

https://home.treasury.gov/system/files/136/PPP-IFR-Second-Draw-Loans.pdf

Autore

Matteo